Recupero ex mattatoio, affidati i lavori per un deposito dei beni culturali: 5,5 milioni dal fondo complementare al PNRR

3' di lettura 22/05/2023 - È stato definitivamente aggiudicato dalla Regione l’appalto integrato per il recupero strutturale e l’adeguamento sismico dell’ex Mattatoio in Via Interna delle Mura a Spoleto, che verrà adibito a deposito temporaneo dei beni culturali mobili in emergenza per la loro messa in sicurezza e successivo restauro, con un finanziamento di 5,5 milioni di euro a valere sul Fondo nazionale complementare al PNRR.

A renderlo noto è l’Assessore alle Opere pubbliche, che ringrazia gli uffici regionali per il lavoro svolto, insieme al Comune di Spoleto proprietario dell’immobile e alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, grazie al quale sono stati rispettati tutti i traguardi del cronoprogramma stabilito per l’accesso ai finanziamenti.

Martedì scorso si è provveduto alla formale consegna delle aree e del servizio di progettazione al raggruppamento temporaneo d’impresa aggiudicatario, composto dalle imprese umbre Flamini, Veneri e Bitec e da tre progettisti umbri, l’architetto Bruno Gori, l’ingegner Valter Catasti e il geologo Luca Latella.

Secondo il programma, il progetto definitivo sarà pronto entro la prima metà di luglio. Nel frattempo, già dalla prossima settimana cominceranno, con il coordinamento del Servizio regionale Opere e lavori pubblici, le operazioni di ripulitura dell’immobile, un edificio ottocentesco inutilizzato e in abbandono da decenni, e l’allestimento dei ponteggi così che, appena completati gli ultimi passaggi in sede di Conferenza dei Servizi, saranno avviati i lavori di ristrutturazione, con l’obiettivo di raggiungere anche il traguardo del 25% della spesa entro la fine dell’anno.

Il recupero dell’ex mattatoio, sottolinea l’Assessore alle Opere Pubbliche, oltre a rappresentare un intervento importante per la rigenerazione urbana e la rivitalizzazione di un’area a ridosso delle mura della città, restituisce a Spoleto un bene culturale e ne attesta ulteriormente il ruolo quale riferimento della custodia, recupero e valorizzazione dei beni culturali e artistici. Il nuovo deposito rappresenta, infatti, una continuazione e un rafforzamento della straordinaria esperienza, unica nel panorama nazionale ed europeo, che la Regione ha realizzato a Santo Chiodo con il deposito per la messa in sicurezza e il restauro di opere d’arte provenienti da luoghi colpiti dal terremoto o altre catastrofi naturali, per il cui ampliamento è già stato ottenuto un finanziamento di oltre 6 milioni di euro.

Nell’ex mattatoio, caratterizzato da due torrette, troveranno spazio laboratori per la diagnostica e il restauro e depositi per la conservazione di beni culturali tessili e metallici. Come per il deposito dei beni culturali di Santo Chiodo, sarà gestito in base alla convenzione fra Regione, Comune di Spoleto e Soprintendenza.

Il recupero strutturale e di adeguamento sismico dell’ex mattatoio è stato presentato anche in Montenegro quale esempio fra i progetti europei di buone pratiche per lo sviluppo sostenibile. Il progetto risponde infatti al principio DNSH (Do no significant harm) che prevede che non si arrechino danni significativi all’ambiente, principio fondamentale per l’accesso ai finanziamenti. Ogni passaggio del progetto, fino alla sua realizzazione, sarà contrassegnato da una specifica dichiarazione DNSH: non solo non si arrecherà alcun danno all’ambiente, evidenzia l’Assessore regionale, ma si contribuirà anzi a una riqualificazione urbana e a scrivere una nuova pagina per la valorizzazione dei beni culturali, la crescita e la promozione della città e dell’Umbria.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Spoleto .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viverespoleto o Clicca QUI.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2023 alle 11:27 sul giornale del 23 maggio 2023 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità, umbria, regione umbria, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d0bi





logoEV
logoEV
qrcode